In libreria

In un celebre aforisma intitolato L’inganno nell’amore, Nietzsche metteva in guardia contro coloro che esaltano il «dissolversi dell’io nell’altra persona», assimilandoli a chi del passato ricorda solo ciò che lo lusinga: «Dunque» scriveva «ci si immagina in un’altra persona che si ammira, e si gode la nuova immagine del proprio io». Certo, non sempre è così: ma cosa succede nella nostra mente quando siamo innamorati? Come possiamo sapere che non crediamo a cose impossibili, che non stiamo negando le evidenze come se fossimo ciechi? Andrea Iacona e José A. Diez, introducendoci agli strumenti della teoria della conoscenza, ci guidano attraverso i più comuni «trabocchetti» dell’amore, disegnando una mappa delle credenze amorose più comuni, senza però farci dimenticare che l’amore non è solo inganno.